L’Assessorato alla Cultura del Comune di Caserta ha organizzato il 27 gennaio ore 11.30, in occasione della Giornata della Memoria, l’inaugurazione di una mostra presso il MAC3, Museo d’arte contemporanea di Caserta, nel complesso di Sant’Agostino: saranno esposti i lavori degli studenti dell’I.S.I.S.S. “E. Mattei” di Caserta,  i calligrammi degli allievi della V sez. E del Liceo Classico della Comunicazione dello storico liceo “P. Giannone”, oltre alle opere degli alunni la mostra conterrà i lavori di alcuni artisti casertani e la mostra fotografica “Viaggio nella Memoria… affinché ciascuno ne preservi il ricordo” dell’associazione Melagrana, nei quali vengono raccontate le atrocità commesse nei lager nazisti, e per ricordare i circa 6 milioni di ebrei vittime della Shoah, a cui vanno aggiunti omosessuali, nomadi, testimoni di Geova ed altre persone uccise dal regime nazista perché non ritenute degne di mescolarsi a quella che era considerata la “razza perfetta”, quella ariana. La mostra nasce da un viaggio fatto da Melagrana ai campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau

“Quest’anno” ha spiegato il sindaco di Caserta, Carlo Marino “abbiamo deciso di dar vita a diverse manifestazioni che ricordino l’orrore più grande che sia mai avvenuto nella storia dell’uomo, che è l’Olocausto. È importante non dimenticare e focalizzare l’attenzione anche sulle tremende stragi che i nazisti hanno compiuto nei nostri territori, insanguinando le comunità e spargendo terrore. Nel mio caso, poi, ho deciso di testimoniare l’attenzione nei confronti di un tema così delicato attraverso la partecipazione ad una recita, nella quale onoro la memoria delle vittime e del grande avvocato Martucci, uno degli autori del testo”.

L’assessore alla Cultura Daniela Borrelli sottolinea invece quanto sia importante mantenere vivo il ricordo di questo orrore per non incorrere nel rischio di un aumento del negazionismo, anche alla luce del fatto che gli anni inesorabilmente passano portandosi via i pochi testimoni diretti di quel nefasto periodo storico.

“L’associazione Melagrana – afferma il suo presidente, Roberto Malinconico – rinnova il proprio impegno nel tenere viva la Memoria; è importante esercitare il dovere collettivo della Memoria, per non dimenticare quel periodo buio del genere umano che attraverso la barbarie dello sterminio sistematico di donne e uomini ha umiliato le nostre coscienze.”